Business Intelligence

Business Intelligence, dal semplice dato alla pianificazione aziendale 

La Business Intelligence rappresenta un elemento fondamentale per la maggior parte delle aziende, piccole o grandi che siano. Attraverso questo processo si è passati dalla semplice e più tradizionale attività di raccolta dati ad una analisi dati sempre più dettagliata e completa. Ciò ottimizza e rende pianificazione e programmazione aziendale più aderentalle esigenze dei clienti e agli andamenti del mercatoL’analisi dati effettuata attraverso la BI in un determinato momento permette, infatti, anche di poter realizzare previsioni sul futuro dei mercati e orientare, di conseguenza, le decisioni aziendali in una ben precisa direzione.  

In quest'ottica un noto binomio ormai collaudato è quello tra Business Intelligence e Big Data Analytics. Come dimostrato dallo studio di settore, effettuato dalla School Management del Politecnico di Milanosolo nello scorso anno, il volume di affari relativo ad analisi dati e strumenti per realizzarle è aumentato del 14% rispetto all'anno precedente. Sempre secondo la stessa fonte, nel dettaglio e nel nostro Paese, i settori maggiormente interessati ad una capillare e immediata analisi dati sono stati quello bancario (28%); il settore manifatturiero (24%); telco e media (14%); servizi (8%); PA e sanità (7%); GDO (7%) utility (6%) e assicurazioni (6%). Questo solo per rendere un’idea della costante espansione del comparto dei processi analitici, il cui valore di mercato ha superato la soglia del miliardo di euro.  

Business Intelligence: i principali vantaggi del processo

L’elaborazione di questa vasta mole di dati attraverso la BI influisce positivamente su diverse aree aziendali come le vendite, il marketing, il servizio clienti e la produzione.

La BI ha quattro effetti principali sulla pianificazione aziendale: 

  • Innanzitutto, come già detto, avendo molti più elementi a disposizione e obiettivi più chiari, i processi decisionali saranno semplificati e più veloci. 
  • Strettamente connessa alla voce precedente la possibilità di ottimizzare i processi interni alle aziende, riducendo sprechi e dispersione di risorse. 
  • L’analisi sui dati raccolti aiuta, inoltre, ad allargare il panorama aziendale individuando nuovi possibili settori e ambiti di ricavo.  
  • Ultima, ma non meno importante, la possibilità di andare ad individuare, correggere o tagliare quelle che sono le criticità interne alle aziende.  

Business Intelligence, analisi semplice e veloce con Microsoft Power BI 

Adattabilità e capacità di attingere a informazioni che sono di natura estremamente eterogenea e provengono da fonti differenti le une dalle altre: queste sono le principali caratteristiche che rendono Microsoft Power BI uno strumento di lavoro essenziale per le aziende in ambito di Business Intelligence e Big Data Analytics. Durante il “Microsoft Data Insight Summit 2016" il vicepresidente di Microsoft, James Phillis, lodò Microsoft Power BI proprio per una specifica caratteristica, la versatilità: 
- Può funzionare con ottimi risultati sia in Cloud che nelle reti aziendali interne.
- Ha la capacità di attingere dati da infinite fonti, di natura estremamente differente. Parliamo di database aziendali, Google Analytics, fogli Excel o semplici documenti di testo.  
Ad essere prezioso per l’analisi e l’elaborazione strategica non è soltanto di monitoraggio costante ma anche la capacità che il processo ha di evidenziare gli aggiornamenti in tempo reale. 

Grazie a questi processi di Business Intelligence interattività e risposte immediate, attraverso grafici e diagrammi, rendono istantanea la visualizzazione dei dati e più dettagliata la loro interpretazione, anche a coloro che non sono necessariamente esperti analisti o addetti ai lavori.
Di seguito possiamo vedere più nel dettaglio le fasi che caratterizzano il processo di Business Intelligence e di analisi dati.  

  • Raccolta dei dati. Dati relativi agli utenti e a consumi, redditi, estrazione sociale, interessi, abitudini e quanto altro; dati aziendali che vengono raccolti attraverso Crm, Erp, Google Analytics e tutti quei software mirati proprio a coadiuvare i processi gestionali e commerciali, evidenziando esigenze e tendenze valide per il cliente. Possono provenire dalle ricerche su Google, dai Social Network o ancora da ciò abbiamo acquistato, da ricerche di mercato, da siti web o dalla posta elettronica. Si potrebbe continuare all'infinito: moltissime banali azioni che compiamo nel quotidiano possono generare dati.
  • Procedure ETL: Extract Transform Load. In queste tre fasi si procede rispettivamente all’estrazione di dati accedendo a data base o piattaforme informatiche gestionali; alla trasformazione dei dati estratti in dati consolidati utili all'analisi del Data Warehouse; al caricamento dei dati finali sugli stessi sistemi di sintesi, proprio come il DWH.
  •  Analisi e presentazione dei dati: è il vero e proprio procedimento che dai dati restituisce informazioni dettagliate sulla situazione in un determinato momento e permette di anticipare le tendenze future facendo crescere il volume degli affari.

Business Intelligence: esempi concreti di pianificazione aziendale 

Per tutti i motivi sopra elencati, ad oggi nel mondo, le aziende che ricorrono a tali strumenti di analisi risultano essere circa 200 mila. Tra gli esempi più singolari, la realizzazione di proiezioni e grafici in tempo reale durante le ultime presidenziali americane da parte dell’emittente tv King5 o il monitoraggio dei parametri muscolari e di salute dei giocatori dei Seattle Seahawks. 
Esempio nostrano, e già noto un paio di anni fa, quello della Bruno Farmaceuticiazienda che ha puntato sull'utilizzo della BI per far confluire dati di vendita, ordini e invii ai grossisti in un sistema informatico di immediata consultazione attraverso una intranet unica di accesso dati. 
L’azienda ha ottenuto così dati più accessibili, in modo rapido e con immediata sincronizzazione. Questo ha così agevolato i processi decisionali e la pianificazione aziendale. 
Altro soggetto italiano che ha fatto della Business Intelligence il suo cavallo di battaglia è stato il Gruppo Tessile Camozzi. Questa realtà non solo ha elaborato un proprio sistema gestionale attraverso lo sfruttamento della Business Intelligence ma lo ha anche immesso sul mercato vendendolo ad altre aziende e allargando il volume di affari anche in questo ambito.  
Risulta quindi chiaro e inconfutabile quanto Business Intelligence e Big Data Analytics siano fondamentali per l’analisi di tendenze dei consumatori e andamenti dei mercati. Un sistema ormai collaudato e una opportunità per le aziende, forse la sola, di rimanere costantemente aggiornate, ottimizzate al loro interno e competitive con la concorrenza.